I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di ARCI Comitato Territoriale di Verona

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta le impostazioni.

Approvo

Notizie in rilievo

  • Info COVID-19

    Giovedì, 12 Marzo 2020 18:58
  • Info COVID-19

    Info COVID-19

    Mercoledì, 11 Marzo 2020 19:25
  • Insieme, per passione

    Insieme, per passione

    Martedì, 01 Ottobre 2019 15:45

Comitato

Richiesta tessera ARCI presso il Comitato Territoriale di Verona

Postato in Comitato.

 

tessera arci 18 19 290

Termini e condizioni

Compilando questa form chiedi ufficialmente di essere accettato come socio ARCI (Associazione Ricreativa Culturale Italiana).

Dichiaro altresì di aver letto e di accettare lo statuto dell'associazione.

Anagrafica
 

Salva

Salva

Salva

Salva

5 per mille all'ARCI! Firma per il 5X1000 all'ARCI

Postato in Comitato.

Sosterrai la Pace, la Cultura, la Solidarietà, i Diritti.

Per devolvere il 5X1000 dell'IRPEF firma e scrivi il nostro codice fiscale 97054400581 nell'apposito spazio della tua dichiarazione dei redditi.

La legge finanziaria 2007 prevede che ogni contribuente potrà scegliere se destinare una percentuale dell'IRPEF, nella misura del 5 per mille, alle associazioni del non profit.

Basta firmare nel riquadro apposito dove c'è scritto

"sostegno del volontariato, delle associazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni"

sui moduli della dichiarazione dei redditi indicando la propria scelta e poi scrivere il codice fiscale della associazione beneficiaria.
Se scegli l'ARCI il codice è 97054400581

Nell'ARCI ogni giorno migliaia di donne e di uomini si incontrano, condividono idee, scoprono il piacere dell'impegno civile.

  • Organizzano occasioni di socialità e di svago, promuovono la formazione e la cultura.
  • Si battono per i diritti di cittadinanza contro ogni forma di discriminazione.
  • Lavorano per offrire solidarietà e sostegno ai più svantaggiati.
  • Sono parte attiva del grande movimento per la pace e la globalizzazione dei diritti.
  • Si impegnano nei progetti di cooperazione a fianco dei popoli del sud del mondo.


Ricorda, se scegli l'ARCI il codice è 97054400581

Se scegli l'ARCI con la tua firma sosterrai
la Pace, la Cultura, la Solidarietà, i Diritti.




5x1000

Adesione all'ARCI

Postato in Comitato.

Soci | Circoli | Richiesta consulenza per la costituzione di un circolo | Richiesta tessera ARCI

Soci

Per diventare Socio ARCI è fondamentale condividerne i valori espressi nello Statuto e sottoscrivere la tessera.

La tessera ha validità dal 1° ottobre al 30 settembre.                                                          tessera arci 18 19

La tessera può essere sottoscritta                                                                                                                     

  • presso la sede territoriale in Via Carlo Cattaneo n. 14 negli orari di segreteria:

          - lunedì ore 9.00 - 12.00;

          - mercoledì ore 9.00 - 12.00;

          - venerdì ore 9.00 - 12.00.

          In altri giorni e orari su appuntamento.

                         

  • presso tutti i Circoli del territorio aderendo alle varie attività proposte o semplicemente richiedendola.

 

  • direttamente online. Il costo della tessera annuale è di 12,00 euro (10,00 di tessera + 2,00 di spese). 
    Dopo aver compilato il form di richiesta, ti verranno forniti gli estremi per effettuare il bonifico. La tessera Arci ti verrà spedita direttamente a casa.

Dati per il bonifico:

Beneficiario: Arci Verona
Importo: euro 12,00
Causale: nome e cognome tessera Arci
IBAN: IT50 T076 0111 7000 0100 1973 682

La tessera sottoscritta presso un Circolo rende il Socio appartenente a quel Circolo, consentendogli di votare in Assemblea e di godere dell´elettorato attivo e passivo nelle elezioni degli organismi dirigenti.

La tessera sottoscritta presso un Comitato territoriale dà diritto al Socio di partecipare al Congresso di quel Comitato, pubblicizzato secondo le norme previste dallo Statuto.

Circoli

Costituzione di un circolo

Costituire un circolo Arci è molto semplice. È sufficiente essere un gruppo di Soci, che desideri sviluppare un settore culturale in sintonia con gli statuti dell'ARCI.

Per formalizzare la costituzione è necessario prendere contatto con il Comitato territoriale in cui si trova il Comune di domicilio del Circolo, redigere un Atto Costitutivo e approvare un proprio Statuto che andrà poi regolarmente registrato.

In questa fase si nomina un Direttivo provvisorio che conduce l´associazione alla Prima Assemblea dei Soci (di solito dopo un anno di attività) e che provvede a svolgere le prime necessarie formalità:

  • registrazione dell´atto di costituzione-statuto,
  • affiliazione all´ARCI,
  • richiesta del codice fiscale
  • eventuale apertura di un conto corrente.

L´adesione all'ARCI può essere di tipo "A" per svolgere le attività culturali o di tipo "B" se, oltre alle attività culturali, il Circolo intende aprire un punto di somministrazione di alimenti e bevande riservato ai Soci.

In questo secondo caso, l´affiliazione serve per poter chiedere al Comune di pertinenza "l´Autorizzazione Amministrativa alla Somministrazione di Alimenti e Bevande riservata ai Soci´, autorizzazione concessa a seguito di verifica di agibilità sanitaria dei locali da parte dell´ULSS che esprime il parere.

I Soci ARCI, in qualunque luogo/circolo abbiano sottoscritto la tessera, hanno diritto a partecipare alle attivit´ e godere dei servizi messi in essere dai Circoli di tutto il territorio nazionale.

Le attività e i servizi resi ai Soci, in generale, non rivestono carattere commerciale ed esulano dall´applicazione dell´IVA e dell´IRPEG, salvo particolari attività che verranno spiegate dal Comitato in fase di consulenza per la costituzione del Circolo.

L´adesione all´ARCI sia di tipo "A" che di tipo "B" ha la durata di un anno solare, come la tessera.

Il Comitato si incarica di avvertire in tempo utile i Presidenti dei Circoli delle modalità e delle scadenze per il rinnovo.

Adesione di un'associazione già costituita

Un'associazione già costituita può richiedere l´adesione all´ARCI, previa verifica che lo statuto da cui è retta sia conforme alle normative e ai requisiti richiesti per la costituzione di un Circolo ARCI (vedi sopra) con caratteristiche di APS (Associazione di Promozione Sociale). E' possibile altresì l'affilazione all'Arci da parte delle associazioni di volontariato (L. 266/91).

Richiesta consulenza per la costituzione di un circolo ARCI

[No form id or name provided!]

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

I circoli della provincia di Verona

Postato in Comitato.

I circoli della provincia di Verona

Inserisci punto di partenza: To:

Chi siamo

Postato in Comitato.

Chi siamo

Siamo l´espressione territoriale di un'associazione culturale che ha ottenuto nel 2002 il riconoscimento di Associazione di Promozione Sociale ai sensi della legge 383/2000.
A Verona migliaia di persone sottoscrivono la tessera ARCI (Associazione Ricreativa Culturale Italiana) da utilizzare nei circoli Arci presenti in città , in provincia e su tutto il territorio oltre che nelle aziende convenzionate.
Sottoscrivendo la tessera che ha durata per l'intero anno solare, si entra a far parte di un´associazione di liberi cittadini che si riconoscono nel sostegno dei diritti umani, della pace, della valorizzazione delle differenze, della solidarietà e che propongono attività culturali nei più svariati campi.
Il nostro maggiore impegno: favorire l'aggregazione e porre lo svago intelligente e la formazione della persona alla base del nostro agire quotidiano, offrendo ai Soci l'opportunità di servizi e proposte in sintonia con i valori che condividiamo.

Organismi dirigenti

Dietro le sigle ci sono le persone.
Ci sono, appunto, i Soci che sottoscrivono annualmente la tessera e che ogni quattro anni vengono chiamati ad esprimere nel congresso i dirigenti che governeranno l'associazione nei quattro successivi. La partecipazione al congresso avviene eleggendo dei delegati all'interno del proprio circolo di appartenenza su base numerica proporzionale alle tessere.
Ci sono quindi i dirigenti territoriali che a loro volta eleggono i dirigenti regionali e nazionali con lo stesso criterio di proporzionalità.
Annualmente viene redatto il bilancio (sia economico sia delle attività), che viene approvato all'interno del Consiglio territoriale.
Dal Congresso del 21 aprile 2018, sono in carica i seguenti Organismi Dirigenti:

 

  • Presidente: Luigi Turri.

 

  • Consiglio Territoriale: Alessandro Carrarini, Alex Asquini, Andrea Pierini, Barbara Biasini, Chiara Chiappa, Giacomo Trivellon, Luigi Turri, Maria Rita Serantoni, Matteo Riva, Michela Faccioli, Oscar Vanzzini.

 

  • Collegio dei Revisori dei Conti: Floriana Prina Cerai, Manola Pellegrinotti, Marco Lora.

 

Congressi del Comitato di Verona

La costituzione della nostra associazione a Verona risale al 1991. È stata fondata, presso la sede del Dopolavoro Ferroviario in Via XX Settembre, come associazione confederata all'ARCI con il nome ARCINOVA il 16 maggio 1991Presidente: Ivano Massignan, Segretaria: Maria Rita Serantoni.
Soci fondatori di questa rinnovata esperienza associativa (essa deriva infatti da ARCI Media) sono stati: Ivano Massignan, Maria Rita Serantoni, Lucio Tuzza, Giuseppe Conchi, Paola Sancassani, Fabio Saladini, Jamal Ouassini, Carlo Ridolfi, Antonio Villani, Diego Alverà, Paolo Roncolato, Mario Bonente, Gianluca Rossini.

Il Congresso del 3 marzo 1995, tenuto presso il Circolo Saint Louis in Via Brigata Casale, riconferma Massignan e Serantoni nei loro ruoli e si dà come compito il consolidamento delle base associative sia con la formazione dei dirigenti che con un'attenta revisione degli statuti dei Circoli.
Il Consiglio territoriale risulta composto da: Martino Bendazzoli, Giorgia Caliari, Rachele Caparra, Giuseppe Conchi, Paolo dal Conte, Graziella Fortuna, Lucia Gardellin, Ezio Giacon, Ivano Massignan, Sebastiano Passanisi, Andrea Pierini, Paola Sancassani, Maria Rita Serantoni, Diego Toffalori, Ivone Vittori.

Gli ultimi congressi, dopo la variazione del nome da Arcinova ad ARCI Nuova Associazione:

  • quello del 28 novembre 1998, tenuto presso l'Hotel Saccardi — Quadrante Europa, intitolato "esserci per contare", che elegge il Consiglio territoriale composto da Andrea Pierini, Francesca Righetti, Gianni Zardini, Giordano Zivelonghi, Giuseppe Conchi, Ivo Chiavegato, Manola Pellegrinotti, Maria Luisa Cavaggioni, Maria Rita Serantoni, Maurizio Trombini, Monica Multari, Paola Sancassani. Il Consiglio assegna a Maria Rita Serantoni la carica di Presidente e a Paola Sancassani quella di Segretaria. Gli intenti da portare avanti sono quelli di dare visibilità ai progetti dell'associazione rendendoli sempre più fruibili dalla globalità dei cittadini veronesi.
  • quello del 21 settembre 2002, tenuto presso il Liston 12, che apre l'ARCI alla realizzazione dei progetti in rete con altri soggetti e che avvia un percorso di collaborazioni con associazioni, enti locali, istanze sociali diverse. Il Consiglio territoriale di Verona, eletto, risultava così composto:
    Presidente: Maria Rita Serantoni
    Presidenza: Andrea Pierini, Manola Pellegrinotti, Maria Rita Serantoni, Paola Sancassani
    Consiglio Territoriale: Andrea Pierini, Antje Knatz, Barbara Missaglia (dimessa), Bianca Menichelli, Gianni Zardini, Giuseppe Conchi (Mimmo), Manola Pellegrinotti, Maria Rita Serantoni, Maurizio Trombini, Paola Sancassani, Paolo Bellotti, Paolo Piva (dimesso), Roberto Aere.
    Collegio dei Revisori dei Conti: Alessandro Carrarini, Luciano Benedetti, Rossella Scamperle; supplenti: Giorgio Bellini, Thea Griminelli.
  • quello del 17 dicembre 2005, tenuto presso il Circolo Latino Riconcito, che, mantenendo inalterati gli Organismi Dirigenti, approva le linee programmatiche per il Congresso Nazionale straordinario.
    Il Congresso Nazionale si svolge a Cervia nei giorni 23-26 febbraio 2006. E’ un congresso straordinario per l’elezione del presidente, a seguito della scomparsa prematura e improvvisa di Tom Benettollo.
    Per esigenze fiscali e legali, era stato nominato nel frattempo un rappresentante legale incaricato fino alla data del congresso.
    (indirizzo web dell'Arci nazionale www.arci.it ).
  • Proprio nel 50° anniversario della nascita dell'Arci, con il nostro congresso del 11 febbraio 2007, tenuto presso il Liston 12, variamo il nome da "Arci Nuova Associazione" ad "ARCI". È un Congresso che raccoglie i frutti del lavoro di relazione (lo dimostra la presenza di numerosi ed illustri ospiti). È un Congresso che parla alla città e alla provincia, ai Soci e ai Circoli, alle amministrazioni e alle altre associazioni, che esprime un gruppo dirigente rinnovato, ma che ribadisce i valori e l'impegno sulle tematiche culturali, sociali e ricreative che ci hanno condotto fino a qui.
  • quello del 14 dicembre 2008 è un Congresso convocato in via straordinaria presso la sede del circolo Arcimontorio, che vede, attraverso la decisione del Consoglio Territoriale, l'avvicendamento nel ruolo di Presidente dell'associazione (nuova Presidente Michela Faccioli) ma la volontà di continuare nel lavoro svolto, aprendosi sempre più alla collaborazione con la rete associativa veronese.
  • Dal Congresso celebrato il 1° febbraio 2014 presso l'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona, alla presenza di molti ospiti - tra cui Francesca Chiavacci della Presidenza nazionale -, rappresentativi delle varie realtà sociali con cui l'ARCI ha intessuto proficui rapporti di collaborazione, esce un gruppo dirigente che coniuga esperienza e novità. Nel ruolo di Presidente viene confermata Michela Faccioli.

 

I Circoli

ARCI è presente su tutto il territorio nazionale per mezzo di circoli, costituiti da persone che assieme vogliono promuovere una attività culturale, solidaristica, ricreativa, senza alcun fine di lucro.
Ogni nuovo circolo che nasce si dà uno statuto che rappresenta l'insieme delle norme che i soci sono tenuti a rispettare e deve affiliarsi all'ARCI, nel cui statuto il circolo si riconosce. I soci del circolo in assemblea devono nominare un comitato direttivo che predispone ed applica il programma e un presidente che rappresenta legalmente il circolo medesimo; l'assemblea deve pronunciarsi su attività ed iniziative proposte dal direttivo e lavorare per la loro promozione; ogni anno approva il bilancio. L'attività del circolo deve riconoscersi nelle linee guida dello statuto nazionale ARCI, deve essere senza scopo di lucro e deve svilupparsi e crescere con la partecipazione di tutti gli iscritti.

Aderire all'ARCI vuol dire entrare nella più grande rete associativa nazionale di cultura, di impegno civile, di progettualità e di promozione sociale.

Leggi lo statuto dell'ARCI - Comitato Territoriale di Verona

Manifesto per la cultura

Convenzioni

Postato in Comitato.

Le convenzioni

Essere Soci Arci significa anche poter usufruire di sconti per attività culturali e tempo libero, per abbonamenti a riviste, per acquisti nei negozi. Vi invitiamo a visitare gli esercizi convenzionati e ad esibire sempre la tessera.

Troverete in elenco le convenzioni valide per l´anno in corso. Se nascessero problemi per il rispetto delle convenzioni vi preghiamo di darne avviso ai nostri uffici. Tenete però presente che per ottenere gli sconti occorre esibire la tessera del corrente anno e che le convenzioni con i negozi escludono sempre la merce in saldo e promozione.

Ricordate che la tessera Arci è valida su tutto il territorio nazionale.

tessera arci 18 19Visita ARCI.it per avere tutte le informazioni sul territorio nazionale 

 

Sconto al cinema

Biglietto ridotto Agis con sconto del 30% circa esibendo il tesserino Agis (con applicata fotografia) unitamente alla tessera Arci nei giorni denominati GIORNATA AGIS (di norma il Martedì, eventuali altri giorni a discrezione dei singoli cinema, anche in considerazione delle programmazioni di Cineforum).


Convenzioni Nazionali:

Convenzioni Arci Verona:

I circoli di Verona

Postato in Comitato.

Circoli ARCI a Verona

Inserisci punto di partenza: To:

Manifesto per la cultura

Postato in Comitato.

  1. Coltiviamo il desiderio di una città intesa come luogo delle relazioni e del vivere civile una città europea, una città sicura, una città solidale, una città gentile.
  2. Pensiamo che la cultura di una città sia il complesso delle manifestazioni di vita materiale, sociale, artistica e spirituale dei cittadini. Per costruire una politica di cittadinanza, una politica di respiro europeo è necessaria una programmazione di governo che metta in relazione questi aspetti rispetto a un progetto.
  3. Crediamo che i cittadini più importanti siano quelli più deboli. Inclusione ed esclusione danno oggi il grado di civiltà di una comunità. È necessario ripensare il concetto di COMUNITÀ.
  4. Crediamo che la città sia un equilibrio delicato di ambiente e persone che va rispettato e governato secondo il principio di sostenibilità.
  5. Siamo convinti che la città debba essere amata tutta intera, per quello che è: la periferia come il centro, i quartieri nuovi come quelli antichi, le zone a rischio come quelle privilegiate. Il governo della città non deve produrre divisioni.
  6. È necessario costruire una rete di informazioni sui temi inerenti le politiche culturali urbane in Europa (la sicurezza è da anni un tema centrale nelle politiche culturali degli altri paesi). Il confronto arricchisce le proposte.
  7. Crediamo che le cittadine e i cittadini che si associano e si organizzano, le comunità etniche, i gruppi di tradizione, le comunità scientifiche, umanistiche e artistiche siano ricchezza di una città complessa.Una comunità cresce nella condivisione del potere e delle responsabilità.
  8. Una città per crescere deve essere un progetto. Un progetto di città affonda nella tradizione che è risorsa per affrontare i cambiamenti, ecco perché crediamo che la cultura evento debba incrociare la cultura socializzazione: i beni materiali devono incrociare i beni immateriali delle relazioni.
  9. Affermiamo la cultura come valore collettivo. La cultura non è solo un bisogno voluttuario, soggettivo, ma una rete di relazioni che promuove Comunità. Nella programmazione dell´amministrazione, proprio in relazione alla riqualificazione delle aree urbane la cultura deve avere un peso più consistente nei bilanci. C´è bisogno di una Carta della Trasparenza per tradurre un trasparente principio di sussidiarietà e far crescere e qualificare un Terzo Settore culturale fuori dai vecchi e nuovi collateralismi a servizio della comunità.
  10. Crediamo che la politica degli spazi culturali debba essere programmata alla luce delle nuove esigenze di sicurezza e socializzazione della città con il concorso di tutti i soggetti interessati.La cultura presidio del territorio toglie spazio alla militarizzazione del territorio. Vogliamo una città gentile.

Scarica il Manifesto per la cultura

ARCI Comitato Territoriale di Verona

Via Francia n. 5 (37135 - ZAI Verona)

telefono 045.8033589

mail-icon Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Orario di apertura

Lunedì ore 9.00 - 12.00

Mercoledì ore 9.00 - 12.00

Venerdì ore 9.00 - 12.00

In altri giorni e orari su appuntamento

ga('create', 'UA-419745-7', 'auto'); ga('set', 'anonymizeIp', true); ga('send', 'pageview');